Saturday, 29 January 2011

Each month, the italian most popular antique fair of Arezzo

will be held in the historical Piazza Grande and adjacent streets

Antique furniture, craft works, design, pottery, porcelain, jewels, books and prints, fossils, carpets, craftsmanship, glass, textiles, clocks, sculptures, paintings, objects made of iron or copper, as well as trinkets and curiosities of every kind!

The Antique Fair in Arezzo on the first Sunday of each month and the previous Saturday. DON'T MISS IT!

Calendar 2011 and info available at:

Born in 1968 and planned by the antique dealer and collector Ivan Bruschi (whose house, precious collection's case, is now a museum), the Antiquarian Fair of Arezzo has been the first antiquarian manifestation having a regular monthly cadence and a lasting success over the time. A success favoured by the knowledge, the solicitations, and the dedication of its deviser. It immediately was news, as shows the newsreel "Radar", which was filmed in the third edition of the Fair. During the days of the Fair, Piazza Grande, which is a very particular square with its irregular and inclined surface, (encircled by patrician towers and palaces, dominated by the austere mass of the roman Church, and bounded by the Loggias drawn by Vasari), becomes a market full of stalls, antiques, collectors, curious, and obviously of tourists. The courtyards of the palaces and the Loggias are full of visitors. Shops grow busier and the stalls, full of any kind of objects, invade streets and lanes, villages and squares of the entire historical complex, changing the aspect of the town.
The regular expositors are more than 500 and comefrom every part of Italy offering with their object a wide view of cultural traditions and regional costumes. Moreover, thanks to the success of the opened exposition, the shops of the restorers and of the antique dealers have grown up. Nowadays in Arezzo there are more than 100 antiquarian shops, a number that during thirty years of fair has duplicated, in fact in 1968 there were not more than fifteen antiquarian shops!
In many cases the shops reflect the same heterogeneity that we find in the fair: furniture, drawings and object, all different both for their époque and for their quality are muddled giving to the visitor the pleasure of their discovery.
By the shops of searchers and pickers there are many shops with selected objects that offer more marked specialization for collectors and connoisseurs: furniture and furnishings, still life, religious pictures, drawings of any époque, jewels, watches, silvers, old books and printings, modern antique collecting, scientific instruments, radius and gramophones, musical instruments, toys.
From the edition of October 2001, we are planning a new project of promotion and communication to make the fair more stimulating and the stay in Arezzo more pleasant, thanks to the contribution of some events, planned to attract an always new and cultured public.
Every first Sunday of the month and the previous Saturday there are more than 20.000 (there were even more than 30.000!) people who come in Arezzo only to visit the antiquarian fair.
The hunt for the valuable object or for the missing piece of a collection begins even before the opening of the fair, when the goods is still packed in the trucks, and it ends on Sunday at sunset after many negotiations.
As the American writer Frances Mayes shows in her book "Beautiful Tuscany", we can affirm that in every house in Arezzo and in many other Italian towns there is an object, a picture or a piece of furniture which has been found and bought in Arezzo Antiquarian Fair, the most old and bigger Italian antiquarian fair. More info: +39 0575377993 Fax: +39 0575377938

La prima domenica di ogni mese, (e sabato adiacente) torna la fiera antiquaria di Arezzo, la più grande e conosciuta d'Italia.

I prossimi appuntamenti: il 5 e 6 febbraio, il 5 e 6 marzo, il 2 e 3 aprile, l'1 maggio, il 4 e 5 giugno, il 2 e 3 luglio, il 6 e 7 agosto, il 3 e 4 settembre, l'1 e il 2 ottobre, il 5 e 6 novembre, il 3 e 4 dicembre.

Come arrivare ad Arezzo

In auto
Casello autostradale A1 (Milano-Napoli): entrata e uscita unica Arezzo, località Battifolle. Informazioni società autostrade: call center viabilità 840-04.21.21

In treno
Stazione Ferroviaria di Arezzo: Piazza della Stazione - Trenitalia. Informazioni “FS Informa”: call center 89.20.21 da comporre senza prefisso, da telefono fisso e dall’Italia, è attivo tutti i giorni 24h su 24h,

TFT (Trasporto Ferroviario Toscano) gruppo LFI
linee per Arezzo-Sinalunga e Arezzo-Stia

Noi del Fontanaro andiamo sempre, se volete "dritte" ed info chiamateci!

Friday, 28 January 2011

Elisa, il tour parte dal teatro Mancinelli di Orvieto, l'1 marzo alle 21.00

Data zero, questo prossimo 1 marzo alle ore 21.00 al Teatro Mancinelli di Orvieto per il nuovo tour di Elisa. Sconto del 10% al resort il Fontanaro per chi presenta il biglietto.
(info + 39 338 7408884

Il nuovo tour della cantante parte da Orvieto, dove il 1 marzo 2011 si esibirà al Teatro Mancinelli

Parte da Orvieto la nuova tournée teatrale di ELISA “IVY I & II”.

L'evento è organizzato dall’Associazione TeMa e dalla Musical Box Eventi di Perugia in collaborazione con il Consorzio Way of Life.

Per acquistare i biglietti: botteghino del Teatro Mancinelli (aperto dal giovedì al sabato ore 10-13 e 16-18) oppure su

Ulteriori info: tel. + 39 0763.340493

Il concerto di Elisa sarà preceduto, alle ore 20, da “DiVINO Spuntino”, un gradevole momento di convivialità da trascorrere al Foyer del teatro prima che il sipario si alzi.

Il pubblico che parteciperà all’appuntamento potrà degustare VINI della Cantina BIGI accompagnati da prodotti tipici locali. Alla serata collabora anche la Norcineria Oreto e il Panificio La Dolce Vita. E’ necessario prenotare al n. 0763/340493 (dal giovedì al sabato ore 10-13 e 16-18). Il costo di “DiVINO Spuntino” è di 10 euro, da aggiungere al prezzo del biglietto del concerto.

In English:

Elisa, the italian star singer and songwriter will performe at Teatro Mancinelli in Orvieto this next 1st of march at 9.30 pm.

As acclaimed internationally for her powerful live performances as for her inspired, emotionally direct pop-rock recordings, Elisa has appeared on various world stages with music legends including also Andrea Bocelli, Luciano Pavarotti and Tina Turner.

More info: - tel. + 39 0763.340493

Before the live show at the Mancinelli's foyer there will be a small aperitive (cost of 10 euro) with Bigi wines and typical italian and umbrian food. Please book before at the
tel. + 39 - 0763/340493

Thursday, 27 January 2011

Fontanaro has a new friendship...with Trasimeno Music Festival

Fontanaro has a new friendship: the Trasimeno Music Festival 2011.

The 2011 edition will take place from the 2nd to the 8th of July.

As preview, If you like, have a look on
We can already book for you in advance even if tickets will be officially available only from May.

The Trasimeno Music Festival Association was formed by the happy fruition of
two beautiful but originally distant things: on one side the
world-renowned Canadian pianist Angela Hewitt, and on the other, the
Umbrian town of Magione, on the shores of Lake Trasimeno. When Angela,
regarded as one of the greatest living interpreters of the music of J.S.
Bach, first discovered this area of great natural beauty, she fell in love
with it immediately. Then, with her unique blend of charm and passion, she
decided to bring her music to the region in the form of an annual music
festival. For a week each summer, she presents concerts in the magical
atmosphere of the Castle of the Knights of Malta in Magione using
international artists of the highest level. To accomplish this, and thanks
to the interest and passion of local friends and collaborators, the
Trasimeno Music Festival Association was formed.

This summer festival, which has grown to also include concerts in Perugia
and Gubbio, will be presented for the seventh time in 2011.

With this happy union between local and international elements, the life of
the Association is diverging into a more widespread activity, with
lecture-demonstrations held in schools, discussions with authors who write
about music in their work, masterclasses with young pianists, and Friends
Associations being formed around the world - a reflection of the worldwide
attention that characterizes both Angela Hewitt and the festival.

On this website, to which we welcome you, you may find all the information
on the initiatives of the Trasimeno Music Festival Association. We look
forward to welcoming you to a concert or another event with Angela Hewitt.

Programme 2011

Saturday, 2 July, 9:15 pm Opening Recital

Castle of the Knights of Malta, Magione

Angela Hewitt, piano

Bach: French Suite No. 4 in E-flat major
Schubert: Sonata in E-flat major, Op. 122
Debussy: Suite Pour le Piano
Brahms: Variations and Fugue on a Theme by Handel

Sunday, 3 July, 9:15 pm Bach Recital

Castle of the Knights of Malta, Magione

Andrea Oliva, flute
Angela Hewitt, piano

French Suite No. 2 in C minor
Sonata for flute and piano in E major
French Suite No. 3 in B minor
Partita for Solo Flute in A minor
Sonata in B minor for flute and piano

Monday, 4 July, 9:15 pm Carducci String Quartet I

Castle of the Knights of Malta, Magione

Carducci String Quartet
Angela Hewitt, piano

Haydn: String Quartet, Op. 33 No. 2 ("The Joke")
Mendelssohn: String Quartet, Op. 80
Elgar: Piano Quintet

Tuesday, 5 July, 5:30 pm Open forum discussion

Piazza, Town of San Savino, Magione

Eric Friesen, interviewer
Angela Hewitt, pianist
Hannu Lintu, conductor
Simon Perry, manager of Hyperion Records
Ludger Böckenhoff, manager of Audite Musikproduktion

Canadian broadcaster and journalist Eric Friesen will lead a fascinating discussion into what goes on behind the scenes in the music world. The audience will be given a chance to interact with the speakers.

9:15 pm Carducci String Quartet II

Castle of the Knights of Malta, Magione

Carducci String Quartet
Violist: Burkhard Sigl

Beethoven: String Quintet, Op. 29 ("Storm")
Vaughan Williams: Phantasy Quintet
Dvorak: String Quartet No. 12 in F major, Op. 96 ("American")

Wednesday, 6 July, 8:30 pm Orchestra da Camera di Mantova

Chiesa di San Domenico, Gubbio

Orchestra da Camera di Mantova
Hannu Lintu, conductor
Angela Hewitt, piano
Melanie Diener, soprano

Mozart: Overture from The Marriage of Figaro
Mozart: Piano Concerto No. 17 in G major, K. 453
Beethoven: Concert Aria "Ah Perfido", Op. 65
Beethoven: Symphony No. 1 in C major

Thursday, 7 July, 9:15 pm An Evening of Love Songs

Castle of the Knights of Malta, Magione

Melanie Diener, soprano
Angela Hewitt, piano

An evening of love songs for voice and piano by Beethoven, Mahler, Liszt, Strauss, and Schumann

Friday, 8 July, 9:15 pm Schumann Evening

Basilica di San Pietro, Perugia

Orchestra da Camera di Mantova
Hannu Lintu, conductor
Angela Hewitt, piano

The complete works by Robert Schumann for Piano and Orchestra:

Introduction and Allegro Appassionato, Op. 92
Introduction and Allegro, Op. 134
Concerto in A minor, Op. 54

Friday, 1 July, 7:00 pm Young Musicians Concert

Piazza, Town of San Savino, Magione


On July 1st at 7 p.m. in the Piazza of San Savino (Comune di Magione) overlooking Lake Trasimeno, a free concert featuring young Canadian and Italian musicians will be held to celebrate Canada Day as well as the 150th anniversary of the unification of Italy. Further details to be announced.

Tuesday, 25 January 2011

Picasso, Mirò and Dalì. Youngs and angry. From the 12th of March to the 17th of July

Picasso, Mirò and Dalì. Youngs and angry:
starting of modernity.

From the 12th of March to the 17th of July 2011 at Palazzo Strozzi in Florence.

More than 60 works from around private collections, the Metropolitan Museum of Art and more.

Opened from 9.00 a.m to 8.00 p.m. on Thuersday up to 11.00 p.m.
To book: tel.
+39 055 2469600 - fax. +39 055 244145

More info tel. +39 055 2645155


In Italian:

Picasso, Miró, Dalí. Giovani e arrabbiati: la nascita della modernità
Dal 12 marzo al 17 luglio 2011 a Palazzo Strozzi, Firenze.

La mostra è promossa ed organizzata da: Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Fondazione Palazzo Strozzi, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Soprintendenza PSAE e per il Polo Museale della città di Firenze, con il sostegno del Comune di Firenze, della Provincia di Firenze, della Camera di Commercio di Firenze e dell’Associazione Partners Palazzo Strozzi e con il contributo della Regione Toscana.

Curatori: Eugenio Carmona, Christoph Vitali

Dedicata alla produzione giovanile di maestri che hanno avuto un ruolo decisivo per gli esordi dell’arte moderna, la mostra prende in esame il periodo pre-cubista di Picasso con suoi lavori anteriori al 1907, mentre le opere di Miró realizzate fra il 1915 e il 1920 sono presentate in relazione con quelle di Dalí del quinquennio 1920-1925 per porre in evidenza le differenze e relazioni stilistiche che caratterizzano il periodo precedente all’adesione dei due artisti alla poetica del Surrealismo.

La mostra Picasso, Miró, Dalí. Giovani e arrabbiati: la nascita della modernità presenta più di sessanta opere della produzione giovanile di Picasso, Miró e Dalí e oltre cento schizzi picassiani, provenienti dai più importanti musei spagnoli, dal Metropolitan Museum of Art e da collezioni private.

Wednesday, 19 January 2011

Laugh&Rice in Orvieto! from the 15th of January to the 3dt of April

Between the art of cooking and the art of entertainment!
From the 15th of January to the 3dt of April in Orvieto the italian best comic actors and chef!
Have a look on the schedule on:
and enjoy yourself!

More info at:
Or contact the Fontanaro's team!

In Italian:

Ad Orvieto per una rassegna comico gastronomica, unica nel suo genere:
Risate e Risotti
il meglio della scena italiana tra comici e cuochi
dal 15 gennaio al 3 aprile!

Comici e cabarettisti (anche da Zelig), e cucina d'eccellenza sono gli ingredienti del programma di “Risate e Risotti”.

E' il riso, in tutte le sue varianti, il protagonista indiscusso di serate accompagnato dalle interpretazioni di chef e comici, per un ciclo di 10 eventi unici in Italia.

Il meraviglioso teatro storico di Orvito, il Mancinelli, sarà la cornice degli appuntamenti dislocati nei migliori ristoranti della città.

Per informazioni turistiche:
Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica del Comprensorio Orvietano
Piazza Duomo, 24 - 05018 Orvieto
Tel. 0763.341772-Fax 0763.344433

Thursday, 13 January 2011

Cinta Senese night at Locanda del Principato (cinta senese is a typical Siena porck)

A Special night at La Locanda del Principato,
the 29th of January from 8.00 P.M.

Starring the CINTA SENESE (typical and wild and organic pork with a black belt that grow only in the Chianti shire and surroundings).

Info: Locanda del Principato V.le due Agosto 36 Panicarola di Castiglione del Lago (PG)
tel. + 39 075.9680220

You will have the chance to taste the wild pork from the appetizer and on! We can't miss the dinner, and you?

In Italiano:

La notte di Cinta senese alla Locanda del Principato

Cinta Senese, dagli antipasti alle prugne secche passando per vino ed olio
(Tutto tondo di un’Azienda che cresce, coltiva, raccoglie, produce solo il meglio)

Serata all'insegna del gusto a tutto tondo con i produttori di Cinta Senese i loro vini ed olio presentazione di una azienda in crescita menzionata più volte in programmi televisivi.....

Per prenotare al tel.segr.0759680220

Wednesday, 12 January 2011

Chocolate craft festival in Florence

Chocolate craft festival in Florence, from the 4th to the 23dt of February in Florence at Santa Croce Square.

If you're in love with chocolate, and you don't like the global and idustrial production, this is your ideal Festival. 10 days dedicated to the art of chocolate with trainee, tasting, workshop, events and much more. We will be there, so if you need more info, just contact us of the Fontanaro's team!

Here you are some of the top artisans (no factories) that will show at the festival:



Finissimo Cioccolato con lavorazione artigianale, confezionato esclusivamente a mano



Dolcezze che non si scordano mai


Passione e tradizione dal 1950

DOLCE MILANO SAS (Trezzano sul Naviglio)



Creme a base cacao venezuelano con infusi di frutti siciliani






L’alta gamma delle dolcezze fiorentine

LYOS HOT & COLD SRL (Borgaro Torinese)




110% di frutta

SUSSE OASE (Austria)


Cioccolatini piemontesi secondo la migliore tradizione


In Italiano:

Arriva la fiera del vero cioccolato artigianale, a Firenze, Piazza Santa Croce, dal 4 al 13 febbraio!

Giunge alla 7° edizione la Fiera del Cioccolato Artigianale, una fiera che nel tempo ha dimostrato di reggere confronti importanti nel panorama delle fiere di settore, tanto che quest’anno vedrà raddoppiati espositori e giorni. I dieci giorni di programmazione dell’edizione 2011 permettono alla prima Fiera del Cioccolato Artigianale di diventare la più importante e completa rassegna di maestri cioccolatieri italiani e stranieri, impegnati nell’esposizione delle loro prelibatezze oltre che in dimostrazioni pratiche e workshop dedicati al cibo degli dei.

Altra novità di questa settima edizione è il Carnevale! Infatti, la piazza sarà punto di ritrovo per le maschere di grandi e piccini che coloreranno i 10 giorni più golosi dell’anno e che potranno partecipare agli eventi ed alle tante iniziative che la direzione della fiera sta organizzando per i due fine settimana coinvolti.

Già definitivo invece l’allestimento, all’interno della fiera e per tutta la durata dell’evento, di una mostra fotografica che ripercorre la storia della produzione del cacao da fine ‘800 ai giorni nostri. Le foto storiche, provenienti dal Museo Fotografico Alinari di Firenze, raffigurano attrezzi e materiali che nel tempo hanno accompagnato i coltivatori della pianta e gli artigiani del cioccolato.
La mostra mercato più sfiziosa dell’anno sarà arricchita da eventi collaterali ed altre attività ancora da definire mentre è confermata la collaborazione fra la Fiera del Cioccolato Artigianale ed i ristoratori del centro storico che nei giorni della manifestazione proporranno cene interamente a base di cacao per scoprire i tanti ed insoliti usi della “spezia” in cucina.

Sul sito verranno presto indicati i locali aderenti ed i giorni in cui poter degustare gli speciali menù. Dalle 10.00 alle 22.00 i tanti stand dei cioccolatieri presenti e quelli dedicati ai prodotti che ben si sposano col cioccolato aspettano tutti coloro che apprezzano il miglior cacao lavorato con sapiente maestria per una pausa di allegria e gusto.

Tuesday, 11 January 2011

L'oro di Napoli a Gubbio


dai racconti di Giuseppe Marotta

Martedì 18 gennaio, ore 21.00

Adattamento teatrale di Armando Pugliese e Gianfelice Imparato

Con Gianfelice Imparato, Luisa Ranieri,
regia Armando Pugliese

musiche di scena Nicola Piovani

scene Andrea Taddei costumi Silvia Polidori

Una dichiarazione d’amore per Napoli, città splendida e miserabile, amorosa e spietata, e per i suoi abitanti, disperati, poveri, ricchi di fantasia, magnifici, capaci di inventarsi la vita giorno per giorno. In questi racconti la Napoli di un tempo rivive senza pietismo o retorica, ma con commossa, asciutta, a volte divertita partecipazione.
“Imparato non perde una battuta, resta l’estroso attore che conosciamo. La Ranieri è una splendida attrice, bellissima, imponente, autorevole. Quando si mette le mani sui fianchi, ci rammenta (come vuole che sia) Sofia Loren nel ruolo che le dette il soprannome. Evoca, rispetto alla Loren, meno umori partenopei, è più asciutta e forse, più lineare. Ma poi tutti gli attori di Pugliese restituiscono benissimo il mondo dei vicoli, delle miserie, degli sberleffi di quella Napoli del dopoguerra, un po’ bozzettistica ma vitale, rumorosa e, come direbbe Marotta, buffa.” Franco Cordelli, Corriere della Sera

Art at the Olive oil Musuem by Lungarotti - Passalacqua sbarca al Museo dell'Olio della Fam. Lungarotti

L'arte di Passalacqua al Museo dell'Olivo e dell'Olio di Torgiano

FONDAZIONE LUNGAROTTI, Museo dell'Olivo e dell'Olio

“Dedicato. Opere sulla natura di Franco Passalacqua”

in mostra al MOO per celebrare il suo decimo anniversario

A cura di Marinella Caputo

Fino al 23 gennaio 2011, il MOO – acronimo di Museo dell’Olivo e dell’Olio

ospiterà nelle sue sale 19 opere di Franco Passalacqua tra olivi e paesaggi boschivi, nonché quattro dei grandi

Totem (fino a 2,50 metri) che hanno reso noto l’artista a livello internazionale.

Il progetto nasce da lontano: il Museo dell’Olivo e dell’Olio espone tra le collezioni permanenti già dal 2000, anno della sua apertura al pubblico, un’opera di Franco Passalacqua, un Campo di olivi al vento, annoverabile trai primi lavori dell’artista, che per lunghi anni ha dedicato la propria ricerca al tema dell’olivo.

Poi molto tempo è passato da quel primo incontro: il Museo è cresciuto nelle sue collezioni, articolandosi in ambienti espositivi ricchi di sorprese e sollecitazioni. E Franco Passalacqua si è sperimentato in linguaggi sempre nuovi, osando tecniche e materiali diversi ma sempre rimanendo concentrato sul suo principale

interesse: la natura. Una natura spontanea dalla forza dirompente, come nel caso delle distese boschive che rappresentano la sua produzione più attuale, e una natura addomesticata, denso concentrato di cultura, di lavoro e di ingegno, come nel caso dell’olivo. Oggi, dopo 10 anni dall’inaugurazione del Museo dell’Olivo e dell’Olio, Franco Passalacqua torna a celebrare in una mostra – Dedicato. Opere sulla natura, appunto – il tema amato dell’olivo e della natura.

E propone, in una selezione di opere curata da Marinella Caputo, un affascinante percorso che, perfettamente integrato con l’esposizione permanente del Museo, si articola in tre sezioni tematiche.

Aprono la mostra 7 opere incentrate sul tema dell’autunno con tele e pannelli in alluminio, oltre a 4 Totem, imponenti elementi verticali in alluminio che, piuttosto che sculture, potrebbero definirsi – come nota Marinella Caputo – “pitture tridimensionali”.

Invasioni è il tema che attraversa la seconda sezione della mostra: quasi a raccordo della natura selvaggia dei boschi con la cultura rappresentata dal verde argenteo degli oliveti, una serie di tele dal piccolo formato che raffigurano porzioni di oliveti abbandonati, in cui la natura si riappropria del territorio, insinuando tra le fronde verdeargentee macchie di colore rugginoso. Infine gli Olivi: tele di medio e grande formato che conducono, in un continuo dialogo con le opere esposte in via permanente al Museo, al grande Campo di olivi al vento già parte delle collezioni del MOO.

La fitta texture di vegetazione che caratterizza l’opera di Passalacqua e che ricopre senza soluzione di continuità le superfici pittoriche, in virtù della prospettiva alta e della profondità percettiva data dalla visione aerea, non indulge mai al descrittivo. In nessun modo esprime una pittura di paesaggio nostalgica, non va – scrive Marinella Caputo nel catalogo della mostra – “nella direzione dell’iperrealismo fotografico, nè in quella dell’astrattismo, sublimando piuttosto in senso concettuale lo stimolo sensoriale proveniente dal paesaggio”; l’occhio dell’artista “guarda le cose che lo circondano” – come osserva il critico Lorenzo Mango a proposito degli alberi di Passalacqua – “attraverso una sensibilità tutta contemporanea, una sensibilità che lega intimamente fatti sensibili a dati mentali”.

La mostra è organizzata dalla Fondazione Lungarotti in collaborazione con la Provincia di Perugia.

Gestito, come il Museo del Vino, dalla Fondazione Lungarotti, il MOO, Museo dell'Olivo e dell'Olio celebra oggi i suoi primi 10 anni di attività.

Situato a Torgiano, piccolo borgo medievale alle porte di Perugia, ospita oggi circa 500 pezzi trai quali una consistente raccolta di lucerne a olio da età classica al tardo neoclassicismo. Racconta Maria Grazia Marchetti Lungarotti, curatrice e direttrice del museo e anima della Fondazione Lungarotti: “per l’inaugurazione del MOO Franco Passalacqua mise a disposizione del museo una grande tela con olivi mossi

dal vento.

Dieci anni dopo il MOO, che felicemente risponde al compito di sostegno alla olivicoltura, ospita una sua mostra che ha per tema l’olivo e la natura.... Il suo ritorno all’olivo e a Torgiano suona come un augurio, privo di retorica e per un futuro di pace.”

Dedicato. Opere sulla natura di Franco Passalacqua

MOO, Museo dell’Olivo e dell’Olio

Via Garibaldi, 10

Torgiano (PG)

Tel: +39 075 9880300


Aperta tutti i giorni dal lun alla dom dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00

In English:

Up to the 23th of January the art of Passalacqua at the Olive Oil Museum in Torgiano, don't miss it.

Info about the Museum, opened all the year:

Created as a companion collection to the Wine Museum, the Olive and Oil Museum is located in a small nucleus of medieval houses within the town walls.

The museum covers ten rooms and opens with information provided by the National Research Council on the botanic characteristics of olive trees, the most common cultivars in Umbria, traditional and avant-garde techniques for cultivating and extracting the oil. The subsequent rooms, that were once the home of an oil mill active until a few decades ago and graced with a large fireplace, have a rich documentation regarding the history and evolution of olive oil equipment: from the first stone mortars of the 5th millennium B.C: across the centuries to the introduction of the trapetum, the large vat of probable Greek origin adopted by the Romans, up to the most complex machines using animal or hydraulic traction, to the invention of the continuous cycle which heralded the new olive oil technology. The museum continues on the two upper floors showing the presence of oil and the olive tree in daily life, as well as the use and value attributed to them over time. These themes are documented in sections regarding the mythological origin of the plant, the use of oil as a source of light, in the rituals of the great monotheistic western religions, in medicine, in nutrition, in sports, in cosmetics, as a source of heat and as a significant element in popular imagery which has attributed and in part still attributes, symbolic, propitiatory, apotropaic and curative values to the plant and to the product of its fruit. Room V, dedicated to Athena, the goddess who reputedly gave the gift of the olive tree to man, displays, alongside various objects that recall the goddess's attributes, a precious Attic alábastron in red-figure pottery, signed by the Foundry Painter and dating to the 5th cent. B.C. The vase, of extraordinary interest due to the artist's craftsmanship, depicts Athena in the act of receiving the shield with an owl design (her primary emblem) from the hands of the ironsmith who crafted it for her. In front of the alabastron, there is a trilobate oil lamp from the 7th cent. B.C., a superb example of Dedalic art representing the remote use of votive oil lamps, alongside a scientific text by Mario Torelli. The collection of oil lamps, ranging from the pre-classic period to late neoclassicism, has some noteworthy examples: from the Roman bilobate bronze lamp, damasked in silver and copper, to the small bronze Renaissance putto, to the two precious staircase lamps from the 16th century. Interesting due to their techniques and styles, indicative of a taste for the myths of antiquity and exoticism , the group of neoclassic includes display lamps including the "fiorentina" lamp in Murano glass to the "romana" lamp from the major silver and bronze workshops characterized by sculptures that are very popular at the time, such as Mercury running on the wind, or the Egyptian figure which recalls the Napoleonic campaigns. Oil cruets and sauce boats, ampoules for perfumes and ointment, the Egyptian unguentary vase dated 1500 B.C. – braziers and warmers, learned texts and popular handicrafts show the many uses of oil over the centuries. At the end of the museum a hallway of proverbs and sayings related to olive oil leads the way to a large painting depicting a field of olive trees in the wind, indicating the attention to the landscape which underlined the research leading up to the museum's creation.

Opening hours:
Open every day except for December 25
Summer: 10 am – 1 pm; 3-7 pm
Winter: 10 am – 1 pm; 3-6 pm

To know the admission fees: